15 cose da non lavare mai in lavastoviglie

15 cose da non lavare mai in lavastoviglie - Foto 1Grattugia15 cose da non lavare mai in lavastoviglie - Foto 2Bicchieri di cristallo15 cose da non lavare mai in lavastoviglie - Foto 3Taglieri e utensili in legno 15 cose da non lavare mai in lavastoviglie - Foto 4Padelle di ghisa15 cose da non lavare mai in lavastoviglie - Foto 5Tazze termiche15 cose da non lavare mai in lavastoviglie - Foto 6Coltelli da cucina15 cose da non lavare mai in lavastoviglie - Foto 7Pentole in alluminio15 cose da non lavare mai in lavastoviglie - Foto 8Pentole antiaderenti15 cose da non lavare mai in lavastoviglie - Foto 9Etichette adesive
15 cose da non lavare mai in lavastoviglie
Rating 26 Voti

Lavastoviglie, che passione! Non si può certo negare quanto sia comodo poter usare una macchina per lavare i piatti, posate e stoviglie varie, tanto che ne esiste perfino la versione da tavolo.
Tuttavia, non tutti gli oggetti che si usano in cucina sono adatti per la lavapiatti. Al contrario, sono almeno 15 le cose da non lavare mai in lavastoviglie e che andrebbero lavate a mano, per evitare danni.
Controlla l’elenco qui sotto:

1)Padelle di ghisa. Non solo non andrebbero mai messe in lavapiatti, ma andrebbero pulite senza spugne abrasive, solo con acqua e detersivo. Però basta ungerle con olio per rimediare a certi errori.

2) Pentole e padelle antiaderenti. L’effetto della lavastoviglie sullo strato antiaderente è lo stesso delle posate di metallo: lo graffiano, perciò meglio evitare.

3) Bicchieri di cristallo. Oltre al fatto che il lavaggio manuale è più accurato e leva la patina opaca, in lavapiatti il calore elevato e / o i getti d’acqua possono causare scheggiature o crepe.

4) Taglieri e utensili in legno. Il calore della lavastoviglie può causare la deformazione del legno e il ciclo di asciugatura può farla rompere.

5) Tazze termiche. Il lavaggio in macchina può danneggiare la guarnizione speciale che c’è tra la parete interna e interna della tazza termica, arrivando perfino a causarne la dispersione della bevanda contenuta.

6) Pentole di rame. Il lavaggio forte della lavastoviglie può appannare, se non proprio rovinare il rame e, visto che si tratta di pentole piuttosto costose, è meglio lavarle a mano.

7) Coltelli taglienti. Non le posate, ma i coltelli buoni: in lavapiatti si rischia che i bordi delle lame si opacizzino, rendendo necessario una nuova affilatura, oppure causare ruggine.

8) Grattugie. Non solo la lavastoviglie rischia di danneggiare le lame (come per i coltelli), ma non riesce nemmeno a pulire i micro-residui nelle grattugie.

9) Pentole di alluminio. Il contatto (prolungato) del metallo con acqua e aria ne provoca l’ossidazione, che si trasforma in una patina oscura che gratta gli altri oggetti.

10) Coperchi per pentole a pressione. Mentre non ci sono problemi per la pentola, meglio non mettere in lavastoviglie il coperchio, perché le guarnizioni potrebbero rovinarsi.

11) Vetro opalino. Chiamato anche “vetro di latte”, questo tipo di vetro è molto delicato, perciò va lavato delicatamente a mano.

12) Contenitori in plastica. A meno che non sia indicato esplicitamente, il lavaggio in macchina andrebbe evitato, perché può deformare la plastica (a addirittura scioglierla).

13) Contenitori ermetici. Sono indispensabili in cucina, ma a meno che non sia esplicitamente consigliata la lavastoviglie, è meglio lavarli a mano.

14) Cimeli di famiglia. Anche se non se ne si conosce il valore, mettere in lavapiatti le ceramiche della nonna potrebbe essere una pessima idea.

15) Articoli con etichette o adesivi. Meglio toglierle prima: durante il lavaggio verranno disintegrate, ma soprattutto c’è il rischio che i residui intasino il filtro del motore.

Scopri anche i 25 oggetti del desiderio per la cucina.