5 consigli antispreco per gli avanzi del cenone di Natale
Rating 3 Voti

Cenoni natalizi e avanzi: è il momento giusto per dei consigli antispreco.
L’impegno nei confronti di un Natale sostenibile, infatti, non si traduce solo nelle decorazioni della tavola, ma anche e soprattutto nell’attenzione al cibo avanzato, che al termine dei cenoni aumenta esponenzialmente.

Ecco 5 consigli antispreco per la conservazione degli avanzi:

1) No al disordine. In frigorifero i cibi vanno conservati con ordine, senza sovrapposizioni, per evitare la perdita di umidità, la diffusione di odori o lo sviluppo di muffa.

2)Viva le monoporzioni. Per la corretta conservazione in congelatore, è fondamentale sigillare perfettamente ogni singolo alimento, suddiviso per porzioni. Porzionare gli avanzi facilita la penetrazione del freddo e permette, in un secondo tempo, di utilizzare solo le quantità che di volta in volta si consumano effettivamente.

3) Non riscaldare il cibo più di una volta. Una volta fuori dal frigorifero, bisogna evitare la proliferazione batterica, per cui gli alimenti non vanno riscaldati più di una volta: sughi e minestre vanno fatti bollire, mentre gli avanzi congelati vanno scongelati in frigorifero (meglio), nel forno a microonde o a bagnomaria.

4) Barattoli in vetro. Questo è un trucco semplice ma molto efficace: utilizzare i barattoli di vetro per la conservazione è un rimedio pratico, veloce e sicuro e, per di più, anche ecologico. I barattoli di vetro con coperchio a chiusura termica o ermetica creano una sorta di sottovuoto che favorisce la conservazione ottimale.

5) Sottovuoto. Questo sistema di conservazione dei cibi riduce il rischio di contaminazione con altri alimenti e il proliferare di batteri, oltre che un risparmio in termini di spazio sia in frigorifero che nella dispensa.