Il Camparino in Galleria riapre con la cucina di Davide Oldani

Il Camparino in Galleria riapre con la cucina di Davide Oldani - Foto 1Il Camparino in Galleria riapre con la cucina di Davide Oldani - Foto 2Il Camparino in Galleria riapre con la cucina di Davide Oldani - Foto 3Il Camparino in Galleria riapre con la cucina di Davide Oldani - Foto 4Il Camparino in Galleria riapre con la cucina di Davide Oldani - Foto 5Il Camparino in Galleria riapre con la cucina di Davide Oldani - Foto 6Il Camparino in Galleria riapre con la cucina di Davide Oldani - Foto 7Il Camparino in Galleria riapre con la cucina di Davide Oldani - Foto 8Il Camparino in Galleria riapre con la cucina di Davide Oldani - Foto 9Il Camparino in Galleria riapre con la cucina di Davide Oldani - Foto 10
Il Camparino in Galleria riapre con la cucina di Davide Oldani
Rating 1 Voto

Dopo un anno di lavori, riapre il Camparino in Galleria, iconico bar di Piazza Duomo tra i luoghi simbolo dell’aperitivo milanese. Il nuovo look non è la sola novità del locale, che riparte sviluppando il concetto di cocktail pairing attraverso la collaborazione con lo chef Davide Oldani.

La nuova filosofia del Camparino, infatti, ruota intorno a due elementi fondamentali: i cocktail Campari e il Pan’cot, entrambi legati alla storia di Milano. Il Pan’cot proposto da Oldani dichiara l’origine attinta dal dialetto fin dal nome (significa “pane arrostito”) e dalla tradizione milanese di Campari. «Sono nato a Milano. Campari e Camparino sono espressione della mia città. Lo stesso vale per il Pan’cot – ha spiegato lo chef – Mia mamma faceva il pane ammorbidito in acqua o latte, poi arrostito in padella. Anche questo è un pane cotto, pur essendo un prodotto completamente nuovo».

Nel cocktail concept messo a punto dall’esperienza di Tommaso Cecca, a capo della squadra di bartender del Camparino in Galleria, continua la ricerca di equilibrio tra tradizione e innovazione, che ripercorre la storia di Campari e dei suoi cocktail, intrecciandosi alla combinazione con il cibo.

«La curiosità del progetto è proprio l’abbinamento di un alimento nuovo ma di tradizione come il Pan’cot con il mondo dei cocktail, che è particolarmente stimolante perché varia con profumi e ingredienti stagionali – commenta ancora Oldani – Si può studiare un abbinamento perfetto, utilizzando erbe, spezie, note sapide e dolci. Anche nel pairing si può comporre per assonanza o cercare il contrasto, creando un gioco ancora più ampio».

Se siete amanti dei drink miscelati, potete preparare anche a casa un ottimo aperitivo: vi basta consultare la nostra sezione con le ricette di tanti cocktail da provare.