Mobilitazione Coldiretti a Roma contro kebab e sushi nei centri storici

Mobilitazione Coldiretti a Roma contro kebab e sushi nei centri storici - Foto 1Mobilitazione Coldiretti a Roma contro kebab e sushi nei centri storici - Foto 2Mobilitazione Coldiretti a Roma contro kebab e sushi nei centri storici - Foto 3Mobilitazione Coldiretti a Roma contro kebab e sushi nei centri storici - Foto 4Mobilitazione Coldiretti a Roma contro kebab e sushi nei centri storici - Foto 5Mobilitazione Coldiretti a Roma contro kebab e sushi nei centri storici - Foto 6
Mobilitazione Coldiretti a Roma contro kebab e sushi nei centri storici
Rating 2 Voti

Sabato scorso migliaia di agricoltori della Coldiretti si sono dati appuntamento al Palazzetto dello Sport di Roma (Pala Tiziano) per difendere il cibo di strada Made in Italy. Per l’occasione, tantissimi Apecar e “baracchini” hanno distribuito street food tipico della tradizione italiana: dalle olive ascolane delle Marche, agli arrosticini abruzzesi, fino a pane e panelle, arancini siciliani e la classica porchetta.

Secondo le affermazioni di Coldiretti stiamo assistendo a una controtendenza nei consumi rispetto al passato: “Tra coloro che mangiano cibo di strada ad essere nettamente preferito dall’81% per cento è infatti il cibo della tradizione locale che va dalla piadina agli arrosticini fino agli arancini, mentre il 13% sceglie quello internazionale come gli hot dog e solo il 6% i cibi etnici come il kebab, in netto calo rispetto al passato”.

Il presidente di Coldiretti Roberto Moncalvo ha affermato: “Una conferma che la scoperta del territorio e dei suoi prodotti tipici rappresenta un valore aggiunto inestimabile che purtroppo rischia di sparire dalle strade e dalla piazze delle città italiane sotto la pressione dell’omologazione. Con la scomparsa dei piatti tipici si perde un pezzo di storia delle città. Se infatti dal kebab al sushi, dalla frutta esotica alle caldarroste congelate si trovano ovunque durante tutto l’anno, per il baccalà fritto da passeggio a Roma o il panino e milza a Palermo i turisti sono costretti a cercare su internet o nelle guide”.

Voi siete per il panino con la milza o il sushi?

Foto: Ansa – Coldiretti