5 consigli antispreco per un Natale sostenibile
Rating 1 Voto

Per molti italiani quello di quest’anno sarà un Natale sostenibile, all’insegna del rispetto dell’ambiente.
La parola d’ordine è carta, da usare il più possibile, poiché è un materiale più facile da smaltire rispetto ad altri, infatti viene usato ultimamente per le bottiglie di birra o per le tazze di caffè da asporto.

Ecco 5 consigli antispreco per un Natale sostenibile:

1) Pacchi e pacchetti alternativi. Per incartare i pacchi, è meglio evitare le carte plastificate, che possono essere sostiuite da carta, possibilemnte riciclata. E con un po’ di fantasia (è facile trovare un sacco di buone idee anche in rete) si possono creare splendide confezioni natalizie con vecchi giornali, collage, carte geografiche e, perfino, vassoi e sacchetti di cartone.

2) Separare i materiali. Anche con i regali ricevuti (e incartati) da altri, è possibile sostenere l’ide adi un Natale sostenibile separando correttamente i materiali prima di gettarli: tra i rifiuti indifferenziati vanno le coccarde, le carte argentata o dorata devono essere conferite nell’indifferenziato, mentre il polistirolo nella plastica.

3) Carte in tavola. La tavola di Natale è quella delle occasioni speciali, ma questo non significa che non si possa pensare di farlo in maniera sostenibile, per esempio con decorazioni di carta, dalle sovratovaglie a effetto ricamo fino ai centrotavola realizzati in cartone riciclato.

4) Addobbi green. Per sostituire le tradizionali palline di vetro, per decorare l’albero di Natale questa volta si può pensare ad addobbi fai da te, o acquistati in negozio, in carta e cartone riciclati, ideali anche per i festoni nel resto della casa.

5) Cenone take away. A casa o al ristorante, i pranzi e le cene di queste festività sono sempre particolarmente abbondanti: per evitare sprechi, la tendenza di un Natale sostenibile è la schiscetta, il rimpiattino (o doggy bag), cioè la pratica di portare a casa gli avanzi. Non solo non ci sono sprechi alimentari, ma il giorno successivo c’è già un pasto pronto.