Hai sempre voglia di cioccolato? Ti diciamo tutti i perché

Hai sempre voglia di cioccolato? Ti diciamo tutti i perché - Foto 1Hai sempre voglia di cioccolato? Ti diciamo tutti i perché - Foto 2Hai sempre voglia di cioccolato? Ti diciamo tutti i perché - Foto 3
Hai sempre voglia di cioccolato? Ti diciamo tutti i perché
Rating 7 Voti

Voglia matta di cioccolato: qualcosa che tutti hanno sperimentato, più o meno frequentemente. Il desiderio compulsivo di divorare intere barrette aumenta soprattutto durante le diete dimagranti o quando si è particolarmente stressati, ma non solo. La scienza spiega perché capita di avere tanta voglia di cioccolato e fornisce anche dei consigli per imparare a gestirla.

Ecco 7 cose da sapere:

1) Livello basso di zuccheri nel sangue. Spesso la voglia incontrollata di cioccolato arriva dal calo di zuccheri nel sangue, poiché si saltano i pasti. Se però si cede alla voglia di cioccolato, di lì a poco il problema si ripresenta, perché è un dolce ad alto tasso glicemico con conseguente rapido crollo nelle montagne russe dello zucchero nel sangue. Per evitare questo problema, meglio non allungare troppo i tempi tra un pasto e l’altro e preferire piatti ricchi di fibre, che aiutano a mantenere l’equilibrio glicemico.

2) Deficit di magnesio. Il cioccolato contiene magnesio, quindi sarebbe l’organismo stesso a “chiederlo” quando ne registra una carenza. Andrebbe però consumato cacao crudo, non raffinato, con criterio: in caso di veri deficit di magnesio, meglio andare dal medico e farne scorta attraverso altre fonti alimentari naturali come fagioli, noci, avocado e verdure a foglia verde.

3) Sei stressato. Giornate impegnative, imprevisti, ansia a mille: è facile che venga voglia di rifugiarsi nel cioccolato, da tutti considerato il cibo anti-stress per eccellenza. Lo è davvero: oltre a essere ad alto tasso glicemico, ha una rapida azione di stimolazione di dopamina, un neurotrasmettitore che stimola l’area del cervello del piacere. Si tratta tuttavia di un conforto di pochi minuti, una sorta di inganno mentale, perciò sarebbe bene imparare a gestire lo stress in altro modo.

4) È un’abitudine. Nemmeno ricordi quando hai cominciato, ma mangiare cioccolato dopo cena è ormai un’abitudine fissa, anziché uno strappo alla regola. Ecco, è il momento di cambiare abitudine: dopo cena, al posto del cioccolato (che sia un dolce, un gelato o altro), prova a bere una tisana calda rilassante o digestiva.

5) Hai il ciclo. Questo ovviamente vale solo per le donne, che durante il periodo delle mestruazioni tendono ad avere maggiore voglia di cioccolato. Tuttavia, non c’è una spiegazione scientifica né alcun beneficio nell’assunzione eccessiva di cioccolato, quindi è meglio sostituirlo con uno spuntino più sano da sgranocchiare.

6) Vantaggi del cioccolato. Non demonizziamo il cioccolato, che è ricco di antiossidanti, abbassa il colesterolo e migliora la memoria. Queste proprietà però valgono nel cacao naturale, non nelle barrette raffinate che si trovano in commercio. Nestlé ha creato un cioccolato senza zuccheri aggiunti che potrebbe fare al caso. Un altro punto fondamentale è la moderazione: a volte può andare bene mangiare un paio di quadretti di cioccolato, ma non l’intera barretta, nemmeno se è naturale.

7) Le alternative al cioccolato. Se proprio non riesci razionalmente a resistere, ci sono altri alimenti con cui puoi cedere alla voglia matta di cioccolato: frutta fresca, yogurt congelato (così assomiglia a un gelato!) e trail mix (o scroggin), quella miscela di muesli, frutta secca e noci che non solo è più leggera ma dà anche soddisfazione da sgranocchiare.

Scopri 5 hotel da visitare per una vacanza al sapore di cioccolato.